Apple design spiegato in un video

La cosa che mi è piaciuta di più della WWDC 2013? Intention, ovvero il video introduttivo: in esso vi è l’essenza di una filosofia e di una veduta di progetti e intenzioni che pongono al centro l’uomo, non l’oggetto che l’azienda produce o vendeo qualcosa di astratto, ma l’uomo. Ed è partendo da questo approccio che escono quesi gadget che migliorano ogni vita che incontrano.

If everyone is busy making everything, how can anyone perfect anything?
We start to confuse convenience with joy, abundance with choice.
Designing something requires focus.
The first thing we ask is: what do we want people to feel?
Delight, surprise, love, connection.
Then, we begin to craft around our intention.
It takes time.
There are thousands of no’s for every yes.
We simplify, we perfect, we start over until every thing we touch enhances each life it touches.
Only then do we sign our work.
Designed by Apple in California

Qui di seguito trovate il testo del video Intention tradotto in italiano.

Se tutti ci occupiamo di tutto come possiamo rendere perfetto qualcosa?
Tendiamo a confondere la comodità con la felicità,
la quantità con la vera scelta.
Creare qualcosa richiede concentrazione.
La prima cosa che ci chiediamo è: cosa vogliamo che sentano le persone?
Piacere, sorpresa, amore, contatto.
Poi iniziamo a dare forma alle nostre idee.
Ci vuole tempo…
Ci sono migliaia di no per ogni si.
Noi semplifichiamo, perfezioniamo, ricominciamo
perché ogni cosa che facciamo migliori ogni vita che incontra.
Solo allora firmiamo il nostro lavoro.
Disegnato da Apple in California

Questo video si scosta un po’ dalla campagna Think Different (neanche troppo, in realtà, semplicemente fa un passo in avanti), sotto cui Apple è rinata alla fine degli anni Novanta. Infatti lo spot incarna qualcosa di diverso, qualcosa che si trova fuori dal coro, qualcosa che non rientra nello status quo, che rompe gli schemi, qualcosa che affronta un problema cercando soluzioni alternative e che è proiettato verso il futuro.

Pertanto Think Different rappresenta un modo di pensare, di vedere, che punta sulla diversa modalità di concepire funzionalità, design, prodotti rispetto a ciò che già c’è. E quindi finisce per esaltare il cambiamento attraverso l’oggetto in sé, attraverso cioè il prodotto che si vuole vendere, puntando sulle sue funzionalità, più o meno strabilianti, che lo caratterizzano. Insomma, è un inno al cambiamento del mondo.

Intention, invece, si focalizza su un modo di vedere (da parte dell’azienda) il proprio lavoro, le proprie attività, i propri prodotti, che può portare notevoli miglioramenti ai servizi, perché, ponendo realmente al centro l’utente, quindi l’uomo, tutte le funzionalità gli ruotano attorno e vengono concepite solo per lui.

Apple design

Frame del video Intention,
con cui Apple spiega il design del suo approccio creativo

Coerentemente con questi aspetti, tutte le funzioni hanno pertanto intrinsecamente lo scopo di migliorare le sue attività, permettendogli di portarle a termine sia al meglio, sia nel più breve tempo possibile, così ha la possibilità di dedicare energie ad altro o a qualcuno.

Personalmente, sono convinto che se ognuno di noi, nel proprio lavoro e nelle proprie attività, pensasse a quanto e a come realmente i propri compiti possono portare un valore per gli altri, e agisse in modo coerente, allora tutti gli sforzi, tutti i servizi, tutti i prodotti, tutti i task potrebbero realmente migliorare la vita dell’uomo.

A prescindere dal marchio che c’è dietro a questa campagna, il design di questa filosofia a me piace tantissimo: se ognuno di noi svolgesse il proprio lavoro, i propri compiti, il proprio dovere con la massima diligenza, facendo attenzione alle piccole cose, sicuramente tutti i servizi, in Italia e non solo, funzionerebbero “come Dio comanda”.

L’Apple design spiegato nel video è anche disponibile in italiano.

Leave a Reply